Prove fisiche Concorso Marescialli Marina

Prove fisiche Concorso Marescialli Marina 2017

Di seguito troverete tutte le informazioni utili per affrontare e tentare di superare con successo le prove fisiche Concorso Marescialli Marina.

Per prepararsi alle prove fisiche Concorso Marescialli Marina è necessario una grande concentrazione e una preparazione atletica notevole. Ma quali sono e come si eseguono le prove di efficienza fisica del Concorso per diventare Maresciallo della Marina Militare? In questo post cercheremo di spiegare la giusta esecuzione degli esercizi, dandovi qualche consiglio su come superare le prove fisiche con successo.


INDICE
– Quali sono le prove fisiche
– Modalità di esecuzione prove fisiche


Quali sono le prove fisiche Concorso Marescialli Marina?

Entrare in Marina con il grado di Maresciallo è un sogno condiviso da molti giovani. Ogni anno viene bandito un concorso (a bando unico per le tre Forze Armate) che dà la possibilità a molti di questi giovani di coronare il loro sogno. Per inviare la domanda di partecipazione, però, è necessario che questi uomini e donne desiderosi di vestire la divisa, siano in possesso di determinati requisiti. Tra gli altri: avere un’età compresa tra i 17 i 26 anni (non compiuti) ed essere in possesso di un diploma di scuola superiore. Naturalmente, per arrivare alla meta finale, il percorso non è assolutamente facile. Come ogni iter concorsuale, anche quello del Concorso Marescialli Marina prevede numerose prove, sia culturali, sia psico fisiche. In questo post andremo a vedere quelle che sono le prove fisiche Concorso Marescialli Marina, dandovi qualche consiglio su come superarle con successo.

Le prove fisiche Concorso Marescialli Marina consistono nell’esecuzione di esercizi obbligatori e facoltativi. Per quanto riguarda gli esercizi obbligatori a cui i concorrenti sono sottoposti, questi sono:

  • Nuoto 25 metri
  • Piegamenti sulle braccia
  • Addominali

Per quanto riguarda gli esercizi facoltativi che i concorrenti possono decidere di eseguire o meno, questi sono:

  • Corsa piana metri 2.000
  • Apnea dinamica

Nella tabella sottostante troverete i parametri di esecuzione e i punteggi relativi alle prove fisiche Concorso Marescialli Marina. Il mancato raggiungimento dei parametri di seguito indicati anche in uno solo degli esercizi obbligatori, determina il giudizio di inidoneità e, quindi, l’esclusione dal concorso, mentre il superamento di tali esercizi determina il giudizio d’idoneità con attribuzione di eventuale punteggio incrementale. Il superamento dell’esercizio facoltativo dà luogo all’attribuzione di un punteggio incrementale, mentre il mancato raggiungimento dei parametri di idoneità in tale esercizio non incide sulla già conseguita idoneità al termine degli esercizi obbligatori.

Come superare le prove fisiche Concorso Marescialli Marina

Veniamo dunque a capire qual è la giusta esecuzione delle prove fisiche Concorso Marescialli Marina, partendo dagli esercizi obbligatori, via via fino a quelli facoltativi.

NUOTO 25 METRI. Il candidato, alla ricezione dell’apposito segnale di partenza, deve iniziare la prova, con partenza e stile a scelta del medesimo e senza ricorrere ad alcun appoggio sui bordi della piscina e/o sui galleggianti divisori di corsia eventualmente presenti (pena giudizio di inidoneità alla prova), e percorrere la distanza di 25 metri entro il tempo massimo sopra indicato. A ciascun concorrente, la preposta Commissione assegna un punteggio secondo i criteri stabiliti nella precedente tabella. A questi punteggi incrementali se ne aggiungono altri a seconda del tipo di partenza scelta dai concorrenti per la prova. Nello specifico:

  • Partenza da blocco di partenza: 0.25 punti;
  • Partenza da bordo vasca: 0.10 punti;
  • Partenza in acqua: 0 punti.

PIEGAMENTI SULLE BRACCIA. Il candidato deve iniziare la prova in posizione prona, completamente disteso con il palmo delle mani poggiato sul pavimento direttamente sotto il punto esterno delle spalle, le gambe unite e con la punta dei piedi in appoggio a terra, vestito con tuta da ginnastica e/o maglietta e idonee scarpe da ginnastica. Per essere giudicato idoneo alla prova il candidato, alla ricezione dell’apposito segnale prodotto (che coincide con lo start del cronometro), deve eseguire, entro il limite massimo di 2 minuti, un numero di piegamenti sulle braccia maggiore o uguale a quello stabilito dalla tabella delle prove di verifica dell’efficienza fisica obbligatoria, con le seguenti modalità:
sollevare da terra il corpo (capo–tronco–arti inferiori) in posizione allineata, estendendo completamente le braccia; una volta raggiunta la posizione di massima estensione delle braccia, abbassare il corpo (capo–tronco–arti inferiori) in posizione allineata, piegando le braccia fino a sfiorare il pavimento con il petto o con il viso; ripetere i piegamenti senza interruzioni.

Un membro della Commissione, osservatore dell’esercizio, provvede al conteggio a voce alta degli esercizi correttamente eseguiti dal candidato, non conteggiando quelli eseguiti in maniera scorretta e comunicando lo scadere del tempo disponibile per la prova. A ciascun concorrente che, dopo aver raggiunto il numero minimo di piegamenti previsti per l’idoneità alla prova, ha deciso di proseguire l’esercizio, nello stesso tempo massimo di 2 minuti stabilito per l’idoneità alla prova, la preposta Commissione assegna un punteggio incrementale.

ADDOMINALI. I candidati devono eseguire la prova con le seguenti modalità:
partenza dalla posizione supina, mani dietro la nuca, gambe flesse e piedi bloccati da altro candidato;
sollevare il tronco portandolo oltre la verticale e riabbassarlo fino a sfiorare con la nuca il pavimento, senza pause tra un’esecuzione e l’altra. I concorrenti che, nel tempo massimo di 2 minuti, superano il numero minimo di addominali previsti per la prova, ottengono un punteggio incrementale a seconda di quanti addominali riescono a fare in più, restando nei 2 minuti di tempo stabiliti per l’idoneità alla prova:

  • concorrenti di sesso maschile: punti 0,05 (fino a un massimo di punti 0,75) per ogni piegamento oltre il 25°, fino a un massimo di 40;
  • concorrenti di sesso femminile: punti 0,05 (fino a un massimo di punti 0,75) per ogni piegamento oltre il 22°, fino a un massimo di 37.

Per quanto riguarda, invece, la giusta esecuzione degli esercizi facoltativi delle prove fisiche Concorso Marescialli Marina:

CORSA PIANA DI METRI 2.000. Per essere giudicato idoneo alla prova e conquistare dei punteggi incrementali, il candidato deve eseguire la corsa piana nel tempo massimo indicato nella tabella sopra. Un membro della commissione, osservatore dell’esercizio, cronometra il tempo impiegato dai candidati.

APNEA DINAMICA. Per essere giudicato idoneo alla prova il candidato deve nuotare in apnea con il corpo totalmente immerso nel tempo massimo di due minuti, partendo da fermo e senza l’ausilio della spinta da bordo piscina e senza mai uscire dall’acqua. Un membro della commissione, osservatore dell’esercizio, provvede alla misurazione del percorso effettuato e comunicha lo scadere del tempo disponibile per la prova.

Per ricevere maggiori info, contattaci subito, un incaricato della Nissolino Corsi ti risponderà il prima possibile.

Corso di Preparazione Concorso Allievi Marescialli Marina

Scopri il programma completo del Corso di Preparazione Concorso Allievi Marescialli Marina (in Aula) della scuola di preparazione Nissolino Corsi

Libro Concorso Allievi Marescialli Marina

Il Libro Concorso Allievi Marescialli Marina è indirizzato ai partecipanti al Concorso Pubblico ed Interno per diventare Allievo Maresciallo della Marina Militare

Corsi di Preparazione Online Concorsi Marina

Scopri tutti i Corsi di Preparazione Online della Nissolino Corsi per superare i concorsi nella Marina Militare

Articoli Simili

Sei il primo a lasciare un commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.